ott 1 2017

Panna cotta con salsa di uva fragola

Sfruttate adesso la profumatissima uva fragola, che offre il suo meglio in questo periodo dell’anno. Potete sostituirla naturalmente con qualsiasi altra frutta, ma questa conferisce alla panna cotta un sapore decisamente inedito.

Ingredienti per 6 persone

  • 500 ml doppia panna (usate la panna da cucina a lunga conservazione)
  • 200 gr zucchero al velo
  • 3 fogli di gelatina
  • 100 ml latte
  • 750 gr uva fragola
  • 3 cucchiai di zucchero

 

Scaldate la panna con lo zucchero fino quasi al bollore, sempre mescolando. Ammorbidite la gelatina in acqua fredda, strizzatela e scioglietela in un pentolino con il latte, poi versatela nella panna calda. Travasate in uno stampo da budino bagnato di acqua e mettete in frigorifero per 12 ore.

Sgranate e lavate l’uva, poi mettetela in un tegame con lo zucchero.

Rimescolate e e pestate i chicchi fino a estrarne il succo; passate al setaccio e conservate il liquido rosso che si sarà formato.

Rimettete sul fuoco  e lasciatelo ridurre finché si addenserà. Con questo cospargete poi la panna cotta al momento di servire.

Taggato con: , ,
Pubblicato in Dessert, Ricette
giu 3 2017

Caprese estiva al limone

Edizione estiva per la classica torta caprese al cioccolato: olio anziché burro, cioccolato bianco anziché fondente e un irresistibile profumo di limoni.

Ingredienti per 8 persone

  • 3 uova
  • 100 gr olio evo
  • 200 gr mandorle con la pelle
  • 120 gr zucchero al velo
  • 150 gr cioccolato bianco
  • 1/2 bicchiere latte
  • 50 gr fecola di patate
  • 1 bacca vaniglia
  • 75 gr limone disidratato
  • 1 limone
  • 60 gr zucchero semolato
  • 3 gr lievito per dolci

Lavorate con le fruste i tuorli con l’olio e un pizzico di sale versandolo a filo, come per una maionese. Lasciate riposare in frigo.

Leggi tutto ›

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in Dessert, Ricette
giu 1 2016

Crema solida al cocco e mandorle con caviale di mirtilli

IMG_9018-001

Eccomi tornata in cucina dopo mesi di assenza dovuta alla rottura di un polso, che mi ha impedito movimenti e creatività. Per festeggiare, un dolce davvero buono, cremoso, godurioso e bello da vedere. Si prepara in anticipo anche di 3 giorni, perciò è comodissimo da fare per una cena. Idealmente, lo dedico a mia figlia che, in quel di Londra, oggi ha dato il suo ultimo esame.

 

Ingredienti per 4 persone

  • 2 cucchiai perle di tapioca
  • 1 succo di mirtillo
  • 200 ml latte di mandorle
  • 200 ml latte di cocco in lattina
  • 200 ml panna fresca (se volete una ricetta senza lattosio, potete usare solo latte di mandorle e cocco, 300 ml e 300 ml rispettivamente)
  • 110 gr zucchero
  • 2 tuorli di uova bio
  • 30 gr fecola di patate o amido di mais
  • 2 fogli di gelatina
  • 1 cucchiaio farina di cocco per guarnire
  • 1 cucchiaio scaglie di cocco per guarnire

Mettete a mollo la tapioca in acqua fredda tanto da coprirla e lasciatela gonfiare. Dopo 15 minuti trasferite in un pentolino insieme a 150 ml di succo di mirtilli e cuocete su fuoco medio, sempre mescolando, finché i granuli diventeranno trasparenti (6-8 minuti). Lasciate raffreddare e poi mettete il caviale di mirtilli in un vasetto, e conservatelo in frigo.

IMG_8986-001

Mescolate insieme il latte di cocco, quello di mandorle e la panna in un piccolo tegame e portate a bollore. A parte, montate i tuorli con lo zucchero e aggiungete la fecola; quando i liquidi bolliranno, unite la crema di uova e cuocete la crema su fuoco basso per 3 minuti, sempre mescolando con un frustino.

cremacoccomandorle

Ammollate la gelatina in acqua fredda e aggiungetela al composto caldo, mescolando bene.

Ungete con olio di mandorle dolci 4 stampini individuali (o uno grande) e travasate la crema; coprite con la pellicola trasparente, lasciate raffreddare a temperatura ambiente e poi mettete in frigo a solidificare almeno per 12 ore.

cremacoccomandorle-001

Sformate la crema, decoratela con la farina di cocco, il cocco a scaglie (che darà l’elemento croccante) e il caviale di mirtilli: se questo si fosse addensato troppo, aggiungetevi dell’acqua fredda e mescolate bene per ammorbidirlo.

Taggato con: , , , , , , , ,
Pubblicato in Dessert, Ricette
gen 29 2016

Mousse di pere alla lavanda con cioccolato bianco

IMG_8766

Spero che possiate grad ire il gusto delicato ed elegante di questa mousse. E’ semplice e veloce da fare, ma impressionerà sia i vostri ospiti che il vostro palato. La lavanda aggiunge profondità alla mousse, e la vostra cucina profumerà divinamente mentre preparerete quest delizioso dessert.

Ingredienti per 8 persone

  • 1 kg e 200 gr pere
  • 2 cucchiai zucchero integrale di canna
  • 50 gr burro
  • 3 tuorli di uova da allevamento biologico
  • 75 gr zucchero bianco
  • 4 fogli di gelatina
  • 1 cucchiaio di fiori di lavanda
  • 60 gr cioccolato bianco da grattugiare
  • IMG_8769-001

Fate spumeggiare il burro in una padella, cospargete con lo zucchero integrale e aggiungete le pere sbucciate e tagliate a cubetti. Unite anche i fìori di lavanda chiusi in una garza da cucina e cuocete finché le pere saranno caramellate. Lasciatele raffreddare e passatele al mixer.

moussedipere lavanda

Montate i tuorli con lo zucchero finché saranno gonfi e spumosi, poi aggiungeteli al puré di pere. Sciogliete su fuoco dolce la gelatina, prima ammollata in acqua fredda, insieme a pochissima acqua, e unitela ancora calda al composto.

moussedipere lavanda-001

Montate la panna ben soda, incorporatela delicatamente al composto e trasferite in una grande ciotola o in coppette individuali. Lasciate raffreddare per almeno 6 ore, poi decorate con la cioccolata grattugiata e, se volete, un pizzico di cannella.

moussedipere lavanda-002

 

Taggato con: , , ,
Pubblicato in Dessert
dic 11 2015

Dolci di pasta kataifi alle noci

IMG_7060 (1024x764)

La pasta Kataifi non è altro che pasta fillo a filini sottilissimi, con la quale si fanno dei dolcetti spettacolari assai comuni nell’area greca, turca e del medio Oriente. Quella che segue è una ricetta molto semplice da seguire per fare in casa i vostri kataifi e ricreare da zero sapori lontani.

Per circa 20 dolcetti

  • 250 gr pasta kataifi (si trova surgelata nei negozi di etnico)
  • 100 gr noci, grossolanamente pestate
  • 1 cucchiaino cannella in polvere
  • 1 pizzico di garofano in polvere
  • 150- 200 gr burro
  • 30 pistacchi crudi, polverizzati

Per lo sciroppo

  • 180-200 gr zucchero (dipende da quale grado di dolcezza volete raggiungere)
  • 175 ml acqua
  • la buccia di 1/2 lemon
  • 1 stecca cannella

Mettete acqua, zucchero, buccia di limone e stecca di cannella in un pentolino, portate a bollore su fuoco basso e attendete che lo zucchero si sia dissolto. Spegnete, lasciate raffreddare e trasferite lo sciroppo in frigo (più lo sciroppo sarà freddo, più croccanti saranno i dolcetti).
Per il ripieno mescolate le noci con la cannella e il garofano; fondete il burro, imburrate una teglia e tenete da parte.

Srotolate la pasta kataifi e lavoratela con le mani, staccando delicatamente i filetti l’uno dall’altro e allungandoli, in modo da ottenere una massa vaporosa. Copritela con un tovagliolo umido mentre preparate i rotolini.
Prelevate un pezzo di pasta, stendetelo su un tagliere e spruzzatelo con il burro fuso; mettete 1 cucchiaino di ripieno a un capo e arrotolate la pasta su se stessa, ben stretta e ripiegando all’interno i bordi. Tenendo in mano il piccolo cilindro ottenuto, spennellatelo ancora con del burro e cercate di dargli la forma migliore possibile.

kataifi-001Repetete l’operazione con il resto della pasta e del ripieno, poi ponete i rotolini nella teglia uno vicino all’altro, senza lasciare vuoti, e spennellateli con il burro rimanente.

kataifi-002
Cuocete in forno preriscaldato a 170° per 40 minuti, finché i kataifi saranno croccanti e dorati; se dovessero colorire prima del tempo, copriteli con un foglio di alluminio.
Appena fuori dal forno, bagnate i dolcetti con i 3/4 dello sciroppo, versandolo a cucchiaiate e lasciando che sia assorbito tra una e l’altra. Coprite la teglia e lasciate riposare per 10 minuti, poi terminate con il resto dello sciroppo (se vedete che lo sciroppo precedente non è stato assorbito del tutto, non aggiungetene. La pasta non reagisce sempre allo stesso modo). Attendete che sia completamente assorbito, poi spolverizzate con i pistacchi e servite.

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in Cucina etnica, Dessert, Ricette, Vegetariano
Le nostre Pubblicazioni
Casa golosa. Un ricettario di famiglia fra tradizione e nuovi sapori in vendita su
Fare festa. Idee e ricette per ricevere in casa. in vendita su