ago 7 2013

Salmone biologico al finocchietto

DSC_0138

Perché biologico? Perché meno bombardato da additivi e antibiotici, ecco perché. Il salmone, purtroppo, è uno dei pesci più inquinati dagli allevatori, ed è una delle specie ittiche che soffrono delle peggiori condizioni di vita durante l’allevamento. Il vero salmone, quello che risale i fiumi e fa quello che madre natura comanda di fare, è quello che in commercio è noto con il nome di salmone selvaggio, ma è praticamente impossibile trovarlo fresco. Lo si può acquistare in versione affumicata, che è ottima, ma se ogni tanto vogliamo mangiare salmone fresco, vi sconsiglio quello comune: meglio optare per il biologico, che è stato meglio alimentato e ha vissuto anche un po’ meno peggio.

Ingredienti per 4 persone

  • 6 tranci spessi di salmone biologico
  • 1 limone
  • 1 mazzetto di finocchietto selvatico

Mettete i tranci in una teglia da forno coperta di carta speciale, irrorateli con il succo del limone (dopo averne prelevato la scorza), spolverizzateli con sale e pepe e lasciateli marinare  un paio d’ore al fresco.

salmone

Cuoceteli poi in forno a 220° per 8 minuti, l’ultimo dei quali accendete il grill. Estraete il salmone dal forno, impiattatelo e cospargetelo con un trito di finocchietto e scorza di limone, passando anche un filo d’olio evo. Servite immediatamente.

DSC_0141

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Le nostre Pubblicazioni
Casa golosa. Un ricettario di famiglia fra tradizione e nuovi sapori in vendita su
Fare festa. Idee e ricette per ricevere in casa. in vendita su